IN PRIMO PIANO

Tutto quello che avreste voluto sapere sul profumo (ma non avete mai osato chiedere)

Accordo, fase di coda, note, note di testa…

Per chi crea profumi ognuna di queste parole ha un significato ben preciso: una identifica il sentore isolato; uno descrive l’insieme di singole fragranze che si mescolano assieme per dar vita a un ben preciso effetto. Non tutti forse conoscono nel dettaglio il significato di queste parole e probabilmente considerano il mondo dei profumi come distante o complicato.

Simon Constantine, Gorilla Perfumer, sottolinea che nonostante a volte il linguaggio utilizzato per descrivere gli ingredienti può sembrare difficile a chi non è del settore, «l’organo del profumiere (in altre parole, la sua postazione di lavoro) è pieno di ingredienti che, in determinate concentrazioni, puzzano. L’indolo per esempio, un materiale naturalmente presente nel gelsomino, è un componente chimico che si trova anche nelle feci umane. Si è sviluppata una precisa terminologia per definire questi ‘odori’ mascherando un minimo ciò che sono in realtà: si parla di “note fecali” o “animaliche”. È un semplice codice linguistico per evitare di dire frasi tipo “sa di pollaio” o “puzza come l’alito di un cammello”».

Vuoi conoscere più da vicino il gergo legato al mondo dell’olfatto? Continua a leggere questo articolo, un mini-glossario formato pocket per rispondere alle domande più frequenti (prima di tutto, partiamo dalla parola ‘olfattivo’, che significa ‘ che è in relazione con la funzione sensitiva dell’olfatto’).

Piccolo glossario della profumeria.

Organo del profumiere: è la sua postazione di lavoro, solitamente piena dei vari materiali utilizzati per creare le composizioni.

Oli essenziali ed essenze assolute: la differenza tra olio essenziale ed essenza assoluta sta nel metodo di estrazione. L’olio essenziale, solitamente ottenuto tramite estrazione a vapore, è un materiale aromatico concentrato. A volte gli oli essenziali vengono infatti definiti “essenza” della pianta. Le essenze assolute invece si ricavano tramite estrazione con solvente: questo perché alcune sostanze naturali, molto delicate, potrebbero essere danneggiate dalle temperature che si raggiungono con la distillazione a vapore.

Note e accordi: le note di cui si parla in profumeria sono molto simili alle note musicali. Infatti ogni ‘nota’ rappresenta un elemento singolo, individuale. Eccone alcuni esempi: ylang ylang, sandalo, lavanda. In musica, più note suonate assieme formano un accordo; allo stesso modo, più note olfattive mescolate assieme vanno a formare gli accordi.

Note di testa, note di cuore, note di fondo: sono tre le espressioni più comuni per descrivere le note di un profumo: ‘di testa’ (o ‘capitali’), ‘di cuore’ (o ‘centrali’) e ‘di fondo’. Le note che senti appena hai spruzzato un profumo sulla pelle (o su un tester di carta) sono con elevate probabilità le note di testa. Scientificamente parlando, si tratta di sostanze composte da molecole dal peso inferiore e con il più alto livello di volatilità. Subito dopo entrano in scena le note di cuore, che di solito si collocano ‘al centro’ della fragranza: rispetto alle note di testa, durano di più sulla pelle e vengono generalmente considerate la vera personalità di un profumo. Infine è il turno delle note di fondo: evaporano molto lentamente, sono l’anima di un profumo a cui permettono di durare a lungo.

Drydown (o fase di coda): quando le note di cuore e di testa diventano meno percepibili, inizia l’ultima fase del profumo. Questa è la cosiddetta fase finale di coda (se non sai cosa sono le note di testa e di cuore, leggi le righe qui sopra)!

Sillage: deriva dal franmcese e significa la traccia, l’impronta, la scia che lascia un profumo. 

Come faccio a scegliere un profumo?

Puoi sceglierlo fidandoti esclusivamente del tuo naso, oppure affidandoti all’aiuto di uno dei volti amici che trovi nei negozi Lush o seguendo i 10 passi della guida del co-fondatore e Gorilla perfumer Mark Constantine.

Annusi una fragranza dal flacone, poi la spruzzi sulla pelle: perché sembrano profumi diversi?

L’“ingrediente” finale è comunque la tua pelle. Niente paura: prima di scappare a gambe levate, lasciaci spiegare meglio. Quello di cui alla fine sa un determinato profumo dipende da vari fattori, tutti legati alla nostra pelle: la temperatura, il PH, l’odore naturale e il grado di umidità. Un profumo di solito può impiegare anche due ore per diffondere completamente le sue note (il tempo, in ogni caso, dipende anche dal tipo di pelle).

Dove è meglio spruzzarsi il profumo?

L’idea di darsi qualche spruzzata sui polsi non è un caso. La durata di una fragranza dipende dal calore della pelle: è davvero una buona idea quindi scegliere punti in cui la pelle è calda! Sia i polsi che l’interno del gomito sono i punti perfetti in cui provare un profumo. Forse ti sorprenderà, ma lo stesso vale per i capelli! Leggi l’articolo: Il sottile fascino del profumo dei capelli.

Dopo un po’ non riesco a sentire più il mio profumo. Perché?

Se ti sembra che il tuo profumo abbia smesso di ‘funzionare’ ma i tuoi colleghi, amici e familiari dicono che si sente ancora, è tutto nella norma. Dopo la lunga esposizione a un determinato odore, capita di distinguerlo a fatica: questo fenomeno si chiama ‘adattamento’ - è una sorta di ‘affaticamento olfattivo’.

Posso mettermi più profumi contemporaneamente?

Sì, certo. Ogni profumo è un’esperienza intima e personale, quindi indossalo (e indossali) come meglio credi! Per aver la certezza che l’intensità del mix di fragranze non sia troppo forte, una è la regola fondamentale: spruzzale tante volte quanto faresti con un unico profumo.

Dopotutto, anche nella beauty routine mattutina ci sono più fasi e, ovviamente, più profumi: dentifricio, shampoo, gel doccia, prodotti per la rasatura, dopobarba e deodoranti hanno il più delle volte fragranze diverse. La nostra collezione Dirty è volutamente un tentativo di creare un’esperienza a più strati. Una volta identificati i singoli elementi della pregiata fragranza Dirty, li abbiamo messi nella crema per radersi, nello styling, nel dentifricio solido e nel gel doccia; usandoli assieme, vivrai un’esperienza di profumo a 360°.

Vuoi farci altre domande? Saremo felici di rispondere! Chiama il nostro Servizio Clienti al numero 02.55303036, oppure scrivici una mail all’indirizzo [email protected].

Commenti (0)
0 Commenti