Spese di spedizione GRATIS per ordini da 60€.

IN PRIMO PIANO

Un’azienda senza confini

“Parlare ai clienti di tutto il mondo non può essere fatto con una sola voce; ci vuole un intero villaggio.“

Questa la dichiarazione del team di supporto Lush rivolta al personale e a tutti i clienti presenti e futuri.

La libertà di movimento è al centro delle politiche di assunzione di Lush

Al momento i membri dello staff di Lush provengono da ogni parte del mondo, e noi continueremo a lottare per il loro diritto alla libertà di movimento.

In quanto responsabili delle risorse umane, ci teniamo a trovare il ruolo adatto per la persona giusta, indipendentemente dalla sua nazionalità. Quando l’innalzamento di confini artificiali ostacola questa possibilità, l’azienda ha difficoltà a progredire. Il nostro numeroso staff è formato da persone di diverse nazionalità che hanno lavorato in Lush in tanti luoghi diversi sperimentando le varie sfaccettature dell’azienda e questo ha permesso loro di accrescere abilità impossibili da acquisire altrimenti. La libertà di movimento permette di sviluppare la sorprendente varietà dei talenti che esiste in ognuno di noi e questo è un valore che a noi di Lush sta molto a cuore.
 

La libertà di movimento costituisce un business duraturo

Per sostenere economicamente il nostro personale e premiare il grande impegno delle persone, abbiamo bisogno di un’azienda in grado di crescere e svilupparsi negli anni a venire – in effetti, un obiettivo difficile da realizzare: molte aziende falliscono, altre non durano nel tempo. L’etica di Lush non giustifica profitti a breve termini acquisiti a scapito di un comportamento morale non adeguato. E quindi, come possiamo fare per prosperare, e non limitarci semplicemente a garantire la nostra sopravvivenza?

Abbiamo bisogno di inserire le persone migliori nelle aree dell’azienda dove queste hanno maggiore impatto. I confini artificiali hanno reso difficile questo processo: senza la libertà di movimento per le persone trasferite nel Regno Unito, la produzione Lush (uno degli ultimi rivenditori UK rimasti ad avere la manodopera sul territorio) avrà difficoltà a reclutare il volume di personale richiesto con conseguenti difficoltà nel sostenere la produzione necessaria a soddisfare il volume delle vendite.

La nostra fabbrica in Inghilterra ha sede a Poole dove il 45% del personale attuale è inglese mentre il restante 55% proviene da molti paesi del mondo e dell’Europa. Ogni anno, nel periodo che va da Agosto a Dicembre, reclutiamo ulteriori 1400 dipendenti al fine di soddisfare la richiesta natalizia. Di questi molti vengono da fuori l’Inghilterra per svolgere queste mansioni. Dato che, al momento, ci sono solo 3000 persone in tutta la contea del Dorset in cerca di occupazione, non ci sarebbe abbastanza personale per poter ricoprire tutti i posti.

 

La libertà di movimento crea un diversificato e internazionale staff di successo

Un business per quanto globale, ha bisogno di competenze locali per poter coordinare i movimenti dell’azienda a livello mondiale. Per questo motivo non si tratta semplicemente di prendere un inglese e spostarlo in un altro paese, ma è indispensabile uno staff internazionale in grado di dare consigli e gestire il tutto, dalle campagne etiche ai lanci dei prodotti. Parlare ai clienti di tutto il mondo non può essere fatto con una sola voce; ci vuole un intero villaggio.

La collaborazione globale ha permesso al business di mantenersi florido ed evolversi. C’è così tanto da imparare dal lavoro con gli altri come l’ascolto di diversi punti di vista e lo sviluppo delle rispettive competenze. Lo scambio di storie fra culture diverse può solo aiutarci a renderci tutti più umani, dopotutto lavoriamo in un’azienda fatta di persone.

La libertà di movimento favorisce la ricerca di persone che sono catalizzatori – le Mary Poppins e gli architetti del business – in grado di creare nuove opportunità, sostenere i nostri valori e intraprendere un’avventura, in qualsiasi parte del mondo essa sia.
 

Scritto da Boo Beer, Aaron Mudd, Kat Hannible, Victoria Bradford Snell, Joe Craven e Patrick Lloyd.

 

Commenti (0)
0 Commenti